Il “re” Froome è positivo: il ciclismo ha il fiato corto

Il vincitore dell’ultima Vuelta (e del Tour) sotto accusa per un rimedio contro l’asma che ha però effetti anabolizzanti
Il “re” Froome è positivo: il ciclismo ha il fiato corto

Salbutamolo in eccesso. Il doppio di quello consentito. Anche la star numero uno del firmamento ciclistico mondiale finisce nella rete dell’antidoping. Chris Froome, 32enne anglo-keniano, quattro volte vincitore del Tour nonché autore della storica doppietta con la Vuelta, proprio quest’anno, è incappato in un controllo che ha rivelato un uso eccessivo della sostanza, un banale […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.