Il “rais” del Pd in carcere: mafia e voto di scambio

Il “rais” del Pd in carcere: mafia e voto di scambio

Quello è un sistema che non si cambia… se non se ne va il capo, il sistema rimane sempre lo stesso…”. Lo sfogo di Vittorio Cavalcanti, ex sindaco di Rende, la dice tutta su chi era il “capo”: Sandro Principe, ex sottosegretario dei governi Amato e Ciampi e uomo forte del Pd in provincia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.