Il progetto sbagliato della piscina coperta e l’appalto taroccato per “salvare” Guerini

Tutto cominciò con l’investimento sciagurato del predecessore, oggi vice di Renzi
Il progetto sbagliato della piscina coperta e l’appalto taroccato per “salvare” Guerini

In principio era la Faustina. Grande centro sportivo comunale con piscina coperta, a Lodi. Fortissimamente voluto da Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd, quando era sindaco della città lombarda. È la Faustina, investimento sciagurato, a spiegare le manovre del successore di Guerini, il sindaco Simone Uggetti, che trucca la gara per la gestione di altre due […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.