» Italia
venerdì 28/07/2017

Napoli, il nuovo procuratore è Melillo: “il ministro ombra” di Orlando

Giovanni Melillo - Fino a poco fa era al ministero: ieri al Csm correnti e partiti di destra e sinistra l’han piazzato alla Procura che ha scoperto il caso Consip
Napoli, il nuovo procuratore è Melillo: “il ministro ombra” di Orlando

Da una parte una tormentata incompatibilità parentale, che ha riguardato Federico Cafiero de Rhao, dall’altra l’inopportunità politica, che ha riguardato Giovanni Melillo. Alla fine il Csm ha deciso che si poteva soprassedere sull’inopportunità politica, forte di un’assenza di norme e ha scelto come procuratore di Napoli Melillo, sostituto pg di Roma ma fino ai primi di marzo il capo di Gabinetto del ministro della Giustizia Andrea Orlando, soprannominato il ministro ombra di via Arenula, almeno fino a quando i rapporti con il Guardasigilli sono diventati complicati.

Classe 1959, Melillo, insieme a Paolo Mancuso è stato il pm che negli anni ‘90, ha raccolto le confessioni del pentito Pasquale Galasso e i rapporti con la Democrazia Cristiana. Cafiero è stato pm al processo Spartacus contro il clan dei Casalesi, oggi è procuratore di Reggio Calabria. Entrambi con un lungo passato alla procura partenopea, anche come coordinatori della Dda anticamorra, entrambi ex sostituti alla Dna, di cui Cafiero dovrebbe diventare il capo, persa questa partita. Nessun fuori ruolo per lui mentre Melillo è stato pure al Quirinale durante la presidenza Ciampi. Nominato con 14 sì contro i 9 per Cafiero, Melillo diventa il capo della procura più grande d’Italia, tra le più difficili e con una grossa rogna: l’inchiesta Consip, politicamente sovraesposta, che si porta dietro anche le varie grane per i pm titolari del fascicolo Henry John Woodcock e Celestina Carrano. Dovrà anche affrontare l’inchiesta sulle primarie locali del Pd, il partito di governo per il quale ha lavorato come capo di Gabinetto.

Hanno votato per Melillo tutti i laici, ad eccezione di Alessio Zaccaria di M5s (astenuto) i capi di Corte Pasquale Ciccolo e Giovanni Canzio, che ha difeso Melillo: “No alla delegittimazione di servitori delle istituzioni” come è successo a “Giovanni Falcone”. Determinanti i voti di Area, la corrente di sinistra della magistratura che è stata l’ago della bilancia in questa partita durata mesi: 5 hanno votato per Melillo, disattendendo la linea “politica” del gruppo dirigente contrario per motivi di opportunità e 2, Ercole Aprile e Piergiorgio Morosini per Cafiero, così come i 5 consiglieri di Unicost (togati centristi) e due su 3 di Magistratura Indipendente (con l’eccezione di Claudio Galoppi).

Convinti che Melillo sia l’uomo giusto al posto giusto i due togati di Area che provengono proprio da Napoli: Antonello Ardituro e Lucio Aschettino (contrari a Melillo ai tempi della corsa per la procura di Milano). “La scelta è stata mossa – ha detto Aschettino – dall’obiettivo di nominare il candidato più idoneo per il funzionamento della procura, una valutazione che va depurata da elementi metagiuridici e suggestivi sia sulla incompatibilità parentale sia sulla inopportunità politica”. Astenuto il togato Aldo Morgigni, di Autonomia e Indipendenza (la corrente di Davigo) perché, come Zaccaria, contrario a entrambi i candidati per le diverse incompatibilità.

Al netto delle valutazioni professionali, ottime per entrambi, la incompatibilità parentale di Cafiero (un figlio penalista a Napoli con il quale non ha rapporti da 20 anni ha fatto sapere il magistrato) ha pesato solo per una parte dei consiglieri pro Melillo. Sui componenti laici, si vociferava dentro il Csm hanno influito considerazioni politiche: a torto o a ragione Melillo è stato ritenuto più rassicurante per il potere, anche se qualche pm della procura di Napoli è convinto, conoscendolo, che con il “caratteraccio” che ha nessuno può dargli “suggerimenti” su cosa fare o non fare. Il vicepresidente Legnini, come da consuetudine, non ha partecipato al voto ma ha respinto “le illazioni su pressioni interne e esterne” tanto che la nomina, ha aggiunto, è stata segnata da un dibattito lungo e “aspro”. Melillo, però, se la legge passata alla Camera a fine marzo fosse stata approvata pure dal Senato, sarebbe stato tagliato fuori dalla corsa alla procura di Napoli per le norme stringenti anche sul rientro in magistratura di determinati fuori ruolo, come il capo di Gabinetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Caso Consip

Interrogati a Roma i manager del gruppo Sti e della coop Cns

Due interrogatori si sono tenuti ieri nell’ambito del filone dell’inchiesta Consip, che riguarda l’appalto Fm4, dal valore di 2,7 miliardi. Turbativa d’asta è il reato per il quale si procede. Sono stati quindi sentiti due manager, uno del consorzio Cns e l’altro di Sti Spa, fondata da Ezio Bigotti, imprenditore che secondo l’ex amministratore di Consip, Luigi Marroni, era sponsorizzato dal leader di Ala Denis Verdini. L’appalto Fm4 è stato indetto nel 2014, diviso in 18 lotti. Cns prima presenta un’offerta per 7 lotti, poi si ritira. Scrive l’Antitrust che pure ha aperto un’istruttoria sull’affidamento della gara: il Consorzio “si è ritirato nella primavera del 2016, peraltro dopo che l’Autorità lo aveva sanzionato per un’intesa relativa alla gara Consip (pulizia nelle scuole)”. Inoltre l’Antitrust rileva anche che “Cns e Engie (il gruppo francese già Cofely, ndr) risultino entrambe aver partecipato in Raggruppamento temporaneo di imprese (Rti) con soggetti riconducibili al gruppo Sti. Più precisamente, al Rti capitanato da Cns ha preso parte anche Exitone (controllata al 100% da Sti), mentre nel Rti guidato da Engie compare anche Csel, cui aderisce Gestione Integrata (controllata per circa il 90% dalla stessa Sti)”.

Italia

Orfeo fa fuori Giletti dalla Rai. E la Gabanelli dovrà aspettare

Italia

Cronista Rai smonta teorema anti-Woodcock

50 anni dopo il terremoto l’amianto uccide ancora
Italia
Belice

50 anni dopo il terremoto l’amianto uccide ancora

di
Cede l’intonaco nella stanza delle Dame
Italia
Mali culturali

Cede l’intonaco nella stanza delle Dame

di
“Zero analisi, vedo altri interessi dietro…”
Italia
L’Intervista - Paola Campadelli

“Zero analisi, vedo altri interessi dietro…”

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×