Il primo pentito Isis: “Ecco la nostra rete di soldati e imam”

I verbali - Lo sloveno Rok Zavbi, estradato in Italia a maggio, ha fatto i nomi di foreign fighters e imam radicali ai pm di Venezia
Il primo pentito Isis: “Ecco la nostra rete di soldati e imam”

Era cristiano, è diventato musulmano. Ha seguito incontri, conferenze, si è messo sulla strada di alcuni imam radicali. Uno in particolare: Bilal Bosnic. Lo ha ascoltato nella piccola moschea della casa in Bosnia. Dieci volte. Sono bastate. Ha deciso di partire. Una meta in testa: la Siria, la liberazione dal regime di Assad. Alla fine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.