Il primario e la moglie che lucravano sui malati

Sanità campana, altro scandalo: tangenti vent’anni dopo De Lorenzo e Poggiolini
Il primario e la moglie che lucravano sui malati

Ancora tangenti sui farmaci, venti anni dopo De Lorenzo e Poggiolini, come ricorda uno che in quegli anni li indagò e aprì la cassaforte di Poggiolini, l’oggi procuratore aggiunto Alfonso D’Avino. Ancora a Napoli, dove tra pazienti sdraiati per terra all’ospedale di Nola, medici che giocano a tennis invece di lavorare al Loreto Mare e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.