Il “prestanome” del boss in Cina con Renzi

Rifiuti - L’irresistibile ascesa del siciliano Paratore, che Invitalia portò a Pechino nel 2014
Il “prestanome” del boss in Cina con Renzi

Nel giugno del 2014, l’allora premier Matteo Renzi va in Cina con i principali gruppi industriali al seguito. Nella delegazione di Invitalia, società pubblica per gli investimenti, c’è l’imprenditore siciliano Antonino Paratore, già indicato dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania come “prestanome” del boss ergastolano Maurizio Zuccaro della cupola Ercolano-Santapaola. Paratore senior e il figlio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.