“Il Ponte non si farà senza ’ndrangheta. Trent’anni fa scatenò la guerra tra i clan”

Il pentito, Filippo Barreca, l’ex boss calabrese che nascose il neofascista Freda

“Vogliono realizzare il Ponte sullo Stretto? Anche se ci vogliono tecnici importanti per quel tipo di opera lì il cemento poi bisogna metterlo. Chiamano la società di Milano per il calcestruzzo? Assolutamente no. Se le cose sono rimaste come le ho conosciute io, tutto verrà poi gestito dalla ’ndrangheta”. Filippo Barreca è un nome che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.