Il Pil spiegato a tutti: cresce poco e male. E il futuro è nero

Nel 2015 il saldo con l’estero è negativo, i consumi fermi e gli investimenti nulli. La produzione in eccesso ha ingrossato le scorte di magazzino, cosa che peserà sulla performance 2016
Il Pil spiegato a tutti: cresce poco e male. E il futuro  è nero

Il Pil nel 2015 è aumentato in Italia dello 0,8% in volume e dell’1,5% in termini nominali, ossia se si tiene conto anche della variazione dei prezzi. Il primo valore è utilizzato per misurare la crescita della quantità e qualità della produzione; il secondo si prende a base per una valutazione standard di alcune grandezze […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.