Il Pd prova a buttarsi sul “fascismo”

Parole d’ordine - Opposizione allo sbando: assenti Renzi, Zingaretti e Gentiloni
Il Pd prova a buttarsi sul “fascismo”

“Ce l’hai fatta a venire alla fine”. Ha un’espressione quasi stupita il reggente del Pd, Maurizio Martina, mentre trova ad accoglierlo Carlo Calenda, ministro (ormai ex) dello Sviluppo economico e, per un paio di giorni, tra i leader di punta del “Fronte repubblicano”, ideato da Renzi. Quello che avrebbe dovuto condurre il Pd alle elezioni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.