Il paradosso di Parisi, federatore solitario

Nostalgia del ’94 - Prova a rilanciare l’alleanza di Berlusconi, freddi i colonnelli di FI e Lega
Il paradosso di Parisi, federatore solitario

È nato un leader. Stefano Parisi è stato subissato dagli applausi, al termine della sua lunga relazione che ha concluso la due giorni di conferenza programmatica (“Energie per l’Italia”) in cui si è candidato alla guida del centrodestra. “Abbiamo perso 10 milioni di voti negli ultimi anni e oggi l’alternativa sembra essere tra Matteo Renzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.