Il palcoscenico del Madre diventa contemporaneo

Due mostre raccontano due artisti italiani: Fabio Mauri e la sua analisi neo-avanguardista e Gian Maria Tosatti, con i luoghi ritrovati della città partenopea
Il palcoscenico del Madre diventa contemporaneo

Agglomerati urbani del sud italiano, critici, disordinati, bollati da decenni come irreparabili, lavorano alacremente al loro riassestamento, stategico e culturale, mentre altri sono al limite della paralisi. Continua a splendere Napoli, sale di giorno in giorno nella classifica delle più visitate, esplorate, amate. Altre Stazioni della Metro aprono, così come tante gallerie internazionali d’arte contemporanea. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.