» Italia
sabato 17/06/2017

Aulla, il paese Far West e le divise sporche difese dal sindaco-avvocato: “Non mi pare inopportuno”

Aulla, inchiesta sui carabinieri violenti - La caserma è chiusa. Le voci: “Chi ci proteggerà ora dagli immigrati?”. Si pensa anche a una manifestazione di solidarietà
Aulla, il paese Far West e le divise sporche difese dal sindaco-avvocato: “Non mi pare inopportuno”

Lì, dove c’è il Tricolore. Dove c’è lo stemma dei carabinieri. Proprio lì urlavano “negri scimmie”. Infilavano le pistole in bocca agli immigrati e ridevano: “Bravo!”, “Fantastico”.

La caserma di Aulla è scalcinata: i muri scrostati, le tapparelle abbassate per il caldo o la vergogna. L’unica cosa che pare viva è l’acqua della fontanella in giardino. Dentro non c’è nessuno, suoni il campanello e ti risponde una voce da un’altra città: “Gli uffici ad Aulla oggi sono chiusi”. Per forza, tutti i carabinieri sono indagati. Il brigadiere è in galera. E nei paesi vicini – da Albiano Magra a Licciana, fino a Pontremoli – non va molto meglio. Un far west con la divisa, secondo i pm. Ma alla fine ti resta una domanda: possibile che in Val di Magra nessuno sapesse?

Allora ti metti a camminare cercando la risposta. Prendi via della Resistenza, nome non casuale perché il comune è Medaglia d’Oro. Cammini e incontri sguardi bassi. Vero, l’afa rende pesanti i pensieri. Ma ritornano in mente le parole delle intercettazioni: “Noi siamo come la mafia!”. Il maresciallo che si metteva di traverso era un “infame”. “Il pm deve morire”. Le parole di Cosa Nostra. Ma a dirle erano i carabinieri.

“Adesso – ti punta l’indice addosso Marcello, e non chiedergli il cognome perché nessuno lo vuole dire – chi ci difenderà dagli immigrati? Ci hanno lasciati soli, alla frontiera”, e questo pensionato con la camicia bianca troppo larga indica uno dei palazzoni bianchi, così alti, così fuori posto in un paese di campagna, che paiono costruiti con i Lego. È quella la “periferia” di un comune di 5 mila abitanti, dove vivono loro: i “negri”. Li incontri spesso per strada. Allora devi ascoltare Giulia che, però, per parlare ti porta in una stradina laterale: “Non prendetevela con Aulla. Troppo facile. Ormai in Italia tanti chiamano gli immigrati ‘negri’. Tanti pensano che sono ‘scimmie’. Per questo la nostra storia è grave: anche i carabinieri lo fanno. Anche lo Stato”. Non è colpa di Aulla. Questo paese somiglia all’Italia. A cominciare dalla piazza centrale: divisa in due. Metà è piazza Gramsci. L’altra metà piazza Bettino Craxi, con tanto di statua del leader socialista che sorveglia un prato spelacchiato. Il politico morto nelle carceri fasciste e quello scappato a Mani Pulite.

In venti minuti vai a La Spezia, in Liguria. Ma sei in Toscana. Non ti senti da nessuna parte. E allora fioriscono potentati, dinastie. Da questi paesi è venuta la famiglia Ferri, i re di Pontremoli: Enrico, il ministro Psdi; Cosimo, oggi sottosegretario alla Giustizia; Filippo, super-sbirro condannato per il G8 e poi finito al Milan. Ma c’è anche Sandro Bondi dalla vicina Fivizzano. E Lucio Barani che prima di andare con Denis Verdini era “più craxiano di Craxi” (lui, da sindaco, volle la statua di Bettino). Tanti scivolati da sinistra al berlusconismo.

Oggi lo Stato, il potere, erano i carabinieri. Come in tanti paesi d’Italia. E intorno a loro, basta leggere le carte dell’inchiesta e le cronache, si sono raccolti in molti. C’era il brigadiere che indicava a chi si presentava in caserma il nome di un avvocato di sua fiducia: “Vai da lui”. C’è il neo-sindaco, l’avvocato Roberto Valettini (centrosinistra), persona gentile e da tutti definita perbene, che oggi fa il primo cittadino e difende i carabinieri in tribunale: “Ho sempre difeso i carabinieri. Certo, queste accuse fanno male. Ma non mi pare inopportuno”. Tutto normale se il sindaco-avvocato – quando gli parli non sai come chiamarlo – difende chi chiama “scimmie” degli esseri umani. Se assiste i carabinieri che potrebbero indagare sul Comune.

Politici, abitanti, in trecento a marzo sono scesi in piazza per difendere i carabinieri indagati. E adesso c’è chi vorrebbe manifestare ancora.

Senz’altro non sapevano cosa succedeva dietro le pareti della caserma. Ma quegli uomini in divisa risolvevano i problemi. E forse qualcuno di troppo in paese condivideva la frase pronunciata dal brigadiere: “Dove non arriva la giustizia, arriva l’ingiustizia”.

La Resistenza è lontana e i vecchi seduti davanti al caffé Trocadero – nome parigino e insegna con la Torre Eiffel – hanno bisogno di trovare un colpevole se si sentono soli, senza commissariato, senza ospedale, con i figli disoccupati: sono gli immigrati. Quando – come nella poesia di Paolo Bertolani, nato a Lerici, a due passi da qui – si sente che “adesso la vita è/ questo cane vecchio che mi aspetta/ fuori dalla porta, guardando fisso il legno”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
I nuovi traguardi dell’Ail

Cure sperimentali e nuovi farmaci contro il mieloma

Cresconodi anno in anno i successi ottenuti dalla ricerca scientifica e per questo l’Ail, associazione nazionale italiana contro le leucemie, anche quest’anno sarà presente con la “Giornata nazionale per la lotta contro le leucemie, linfomi e mieloma” del prossimo 21 giugno. “Le opportunità terapeutiche di cui disponiamo sono molte. Abbiamo quindi la possibilità di selezionare il trattamento più adatto per il singolo paziente, aumentandone quindi la qualità della vita”, ha dichiarato il presidente nazionale dell’Ail, il professor Franco Mandelli. I passi avanti ci sono: nuovi farmaci con nuovi meccanismi d’azione per il trattamento del mieloma multiplo, che hanno migliorato l’efficacia della terapia e diminuito gli effetti collaterali, con l’impegno di riuscire a renderli accessibili e disponibili a tutti. Inoltre, la cura di queste malattie non riguarda solo i farmaci, ma anche il benessere psichico del paziente, per questo c’è “Sognando Itaca”, un’iniziativa di vela terapica con lo scopo di favorire la riabilitazione psicologica del paziente e la sua qualità della vita mentre affronta il difficile percorso della malattia.

Italia

Via Romeo dall’appalto da 2,7 miliardi. Ma le coop perdono solo le pulizie

Italia

Barani (Ala): “I militari mica sono Maria Goretti… ”

Temptation Island, il fascino ipnotico del nostro peggio
Italia
La storia

Temptation Island, il fascino ipnotico del nostro peggio

di
Suicidio web, il blackout pericoloso del buon senso
Italia
La polemica

Suicidio web, il blackout pericoloso del buon senso

di
Sanità: business per ricchi e fatturati da capogiro
Italia
I nuovi padroni

Sanità: business per ricchi e fatturati da capogiro

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×