Il padre ricorda Yao: “Pensavo l’Italia fosse un Paese sicuro”

Il padre ricorda Yao: “Pensavo l’Italia fosse un Paese sicuro”

Fiori, palloncini bianchi liberati in cielo, foto, dediche, candele. Grande commozione stamattina all’Accademia di Belle Arti di Roma dove è stata organizzata una commemorazione in ricordo di Zhang Yao, la studentessa cinese che frequentava un corso di moda e trovata morta dopo essere stata probabilmente travolta da un treno alla periferia di Roma mentre inseguiva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.