“Il nome della rosa” o, meglio, della risata

In scena - Al Carignano di Torino la prima trasposizione sul palco dell’opera di Umberto Eco
“Il nome della rosa” o, meglio, della risata

RRecensione fulminante del Nome della rosa: “Per il riso, come per il culo, ci sarà sempre un prete autoproclamato che cercherà di imporre dei limiti”. Scherzetto! Non è un commento al romanzo di Umberto Eco, ma uno dei motti di spirito di Stéphane Charbonnier, in arte Charb, vittima, con altri undici, dell’attentato terroristico a Charlie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.