Il Nobel per la Pace: “Contro il terrore più libri e meno bombe”

Il Nobel per la Pace: “Contro il terrore più libri e meno bombe”

L’immigrazione “può essere un rischio o un’opportunità per l’Europa. Dipende da come verrà gestita. Se i profughi saranno aiutati potranno essere un’opportunità, se saranno ignorati potrà essere un problema”. Shirin Ebadi, Nobel per la Pace 2013 , presentando a Torino Finché non saremo liberi ha osservato: “Usare la forza serve a poco e, sia chiaro, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.