Il nipote di Binnu capo di Corleone: finisce in carcere

Gli imprenditori denunciano: salta la “nuova” cupola riorganizzata da Gariffo dopo la morte di Provenzano
Il nipote di Binnu capo di Corleone: finisce in carcere

Devono tremare tutti”, “dobbiamo bussare” e poi “dare una lezione”, diceva Carmelo Gariffo, 58 anni, che nel luglio scorso era in prima fila al funerale di suo zio Bernardo Provenzano, e ieri è finito in carcere insieme ad altri undici corleonesi arrestati dai carabinieri nell’operazione Grande Passo che ha interrotto la ricostruzione del mandamento mafioso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.