Il museo nel bunker: la memoria dell’orrore

Il rifugio di Enver Hoxha sotto il ministero dell’Interno
Il museo nel bunker: la memoria dell’orrore

C’è la stanza degli interrogatori. Non ha finestre, solo una luce fioca a intermittenza. Un tavolino al centro con sopra una macchina da scrivere, la sedia per il “verbalizzante” e quella per l’interrogato. L’ufficiale che faceva le domande, invece, era in piedi. Ritto e severo, immagine di un potere assoluto che decideva la vita e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.