Il mondo corre veloce, curiamoci con la nostalgia

Da una boccetta piena di conchiglie a un modellino. Una mostra al Maxxi di Roma con oggetti portati dal pubblico all’insegna del passatismo, sentimento assai di moda
Il mondo corre veloce, curiamoci con la nostalgia

In un museo ci sono una boccetta piena di conchiglie, un tutù, un modellino architettonico venuto male, una raccolta di opere di Woody Allen, tra libri ingialliti, dvd e immagini rubate per caso. È lo Street Museum di Yona Friedman, architetto ungherese ultranovantenne, che per la sua mostra Mobile Architecture al Museo Maxxi di Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.