Il “modello” Marchionne e quelle accuse di invidia

Il risentimento verso ciò che il capo di Fiat-Fca ha rappresentato è giusta indignazione, un’idea diversa di società. Invece le forze politiche che dovrebbero proporre un’alternativa ne hanno fatto un santino
Il “modello” Marchionne e quelle accuse di invidia

Abbiamo assistito nelle ultime due settimane a un prevedibile profluvio di commenti in memoria di Sergio Marchionne, in larghissima parte agiografici. Ai pochi che non si sono uniti al coro, che hanno mosso qualche critica, è giunta regolare e inesorabile l’accusa: “Siete invidiosi!”. E l’invidia è una brutta bestia… Così ci ha assicurato Matteo Renzi: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.