Il mio viaggio è il treno fra libri, telefonini e pipì

Io in viaggio non penso. A guardarmi sembrerebbe che legga, tranquilla. In effetti leggo, ma, a parte casi di grande letteratura, penso a ogni riga di aver sbagliato libro. Penso al libro che avrei dovuto scegliere e che invece ho lasciato a casa. Lo visualizzo. È lì, sulla scrivania, padrone di un tempo perfetto che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.