Il mio turpiloquio può essere passione

In questi giorni si è sviluppato un dibattito abbastanza acceso relativamente a certe espressioni, sicuramente un po’ sopra le righe, da me utilizzate nel corso di un comizio elettorale. L’occasione non è secondaria, anzi, diciamo che è la premessa di tutto, basterebbe da sola come chiave di lettura. Ma provo ad articolare un ragionamento in […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.