“Il mio padre d’Italia mai visto e censurato”

“Porte aperte”? - L’amministrazione Pd di Cremona contro il film: “È presto per l’omogenitorialità”
“Il mio padre d’Italia mai visto e censurato”

In una delle scene più toccanti de Il padre d’Italia, opera seconda di Fabio Mollo, il protagonista Paolo interpretato da Luca Marinelli, si interroga candidamente su quanto sia “naturale” o meno che sia permesso a una coppia omosessuale di adottare e crescere un figlio: “Non faremo una cosa contronatura?”. Un punto di vistacertamente nuovo e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.