“Il mio Colpo grosso e i bollori finiti in mezzo alla Guerra Fredda”

Umberto Smaila - A 30 anni dalla prima messa in onda della trasmissione: “Ancora mi fermano”
“Il mio Colpo grosso e i bollori finiti in mezzo alla Guerra Fredda”

Minacce di bombe nucleari, soldati schierati, propaganda, agenti segreti, sequestri, migliaia di pagine scritte e da scrivere. Shevardnadze da una parte, Shultz oltre la cortina, dietro l’Oceano. Questa è la Storia principale. Ma la Guerra Fredda si è giocata anche sotto i quotidiani bollori di Colpo grosso, quando dopo le dieci e mezzo di sera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.