» Cultura
domenica 13/08/2017

“Il mio Colpo grosso e i bollori finiti in mezzo alla Guerra Fredda”

Umberto Smaila - A 30 anni dalla prima messa in onda della trasmissione: “Ancora mi fermano”
“Il mio Colpo grosso e i bollori finiti in mezzo alla Guerra Fredda”

Minacce di bombe nucleari, soldati schierati, propaganda, agenti segreti, sequestri, migliaia di pagine scritte e da scrivere. Shevardnadze da una parte, Shultz oltre la cortina, dietro l’Oceano. Questa è la Storia principale. Ma la Guerra Fredda si è giocata anche sotto i quotidiani bollori di Colpo grosso, quando dopo le dieci e mezzo di sera […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Società

Sul lettino la settimana diventa enigmistica

Cultura

“Il Sorcio” Lucas che fu capace di rosicchiare lettori a Maigret

La carica rhythm’n’blues dei primi Stones
Cultura
La raccolta

La carica rhythm’n’blues dei primi Stones

di
Rigoroso e mai noioso: il signor G era un amico
Cultura
Giorgio Gaber

Rigoroso e mai noioso: il signor G era un amico

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×