Il Messaggero, che fu progressista e combatteva pure i “palazzinari”

Nell’altro secolo era un quotidiano liberale. Fece la battaglia per conservare Villa Borghese, ma anche per la statua di Giordano Bruno
Il Messaggero, che fu progressista e combatteva pure i “palazzinari”

Un nuovo quotidiano esce a Roma a otto anni dalla storica “breccia”, prima come numero unico di prova e si chiama Il Messaggiero. Diventerà Il Messaggero col gennaio 1879. Il suo fondatore, il milanese Luigi Cesana, proviene da Firenze, ha respirato in casa giornalismo e garibaldinismo. Il padre Giuseppe Augusto, torinese, ha partecipato alle Cinque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.