Il Merola afghano: cineasta totale di “Nothingwood”

Per il Biografilmfestival il film di Sonia Kronlund sulla vita e il lavoro di Salim Shaheen, il grande affabulatore per immagini. Uno dei più bei calci in faccia alla guerra
Il Merola afghano: cineasta totale di “Nothingwood”

Il figlio impossibile di Mario Merola, Ed Wood e Martin Scorsese si chiama Salim Shaheen, vive e lavora in Afghanistan, ha diretto, prodotto e interpretato 110 film rigorosamente di serie Z, tutti spari, azione e canzoni. E ha anche suggerito il titolo del primo lavoro di cui è “solo” protagonista: l’irresistibile Nothingwood, diretto dalla reporter […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.