Il Melandri, gli “amici” e la commedia da resuscitare

La morte di Gastone Moschin ovvero dell’architetto Rambaldo Melandri, unico superstite del primo e inarrivabile Amici miei, si può leggere anche al contrario. Finalmente i quattro più uno si sono ritrovati dall’altra parte; e d’altronde anche nel film Melandri era stato il secessionista, dopo essersi innamorato della moglie del professor Sassaroli, al quale peraltro non […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.