Il Mediterraneo e la dottrina Putin: questa è cosa nostra

Il Cremlino non farà passi indietro, ha bisogno delle basi navali siriane per espandere il raggio d’azione fino alla Libia
Il Mediterraneo e la dottrina Putin: questa è cosa nostra

La fregata RFS-494 della classe “ammiraglio Grigorivich” ha passato ieri mattina il Bosforo, diretta alla base russa di Tartus: sulla sua rotta si troverebbero i due cacciatorpedinieri americani che la scorsa notte hanno lanciato l’attacco missilistico sulla Siria. La nave da guerra russa è di ultima generazione: dotata di missili da crociera land attack a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.