“Il Mediterraneo è diventato il cimitero dei disperati in fuga”

“Il Mediterraneo è diventato il cimitero dei disperati in fuga”

È la crisi umanitaria più grave dopo la Seconda guerra mondiale”. Così papa Francesco ha definito i 65 milioni di profughi nel mondo. Bergoglio, nel corso di un incontro con gli ex allievi gesuiti ha invitato a farsi carico della “tragedia umana” dei migranti e ha ricordato che “un numero mai raggiunto prima di rifugiati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.