Il massacro di Utoya in un piano sequenza

In concorso l’opera del norvegese Poppe, “per non dimenticare”
Il massacro di Utoya in un piano sequenza

Il film che non avremmo mai voluto vedere (nella realtà) è approdato ieri in concorso. Utøya 22 July porta nel suo titolo l’eloquenza di una strage indimenticabile eppure – paradossalmente – non abbastanza ricordata. Il regista norvegese Erik Poppe ha infatti ritenuto urgente e necessario realizzarlo alla luce di due fattori inquietanti: “La crescente ondata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.