Il malinconico viaggio di Obama a Cuba

Caro Furio Colombo, avrebbe dovuto essere una festa il viaggio di Obama all’Avana. Finivano un grave errore americano (l’embargo), un errore cubano non tanto più lieve (la lunga dipendenza dalla Russia sovietica) e cominciavano una speranza di libertà e un civile rapporto di buon vicinato. Invece c’era (per quanto si è capito e si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.