Il male necessario vince nell’urna keniota

In bilico - Il presidente Kenyatta in vantaggio nello spoglio, tra accuse di brogli e violenze
Il male necessario vince nell’urna keniota

Non proviene certo dall’unica dinastia politica nel mondo, né soprattutto l’unica di un continente africano segnato dal familismo di governo. Ma Uhuru Kenyatta, classe 1961, presidente uscente e quasi certamente rieletto del Kenya, è riuscito a trasformare il prestigio del nome che porta in un lasciapassare per il potere E per l’impunità. Figlio del leader […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.