Il Mago Zurlì e la magia irripetibile della naturalezza insegnata in tv

Cino Tortorella era il centro dello “Zecchino”: bello e giovane improvvisava con i bimbi meglio che in Pirandello
Il Mago Zurlì e la magia irripetibile della naturalezza insegnata in tv

Il mio vecchio amico Nanni Delbecchi ha scritto sul Fatto un ricordo sapiente e delicato del Mago Zurlì. La mia età (sono del 1950 e, a Napoli, uno dei pochi superstiti che abbiano partecipato ai funerali di Totò) mi permette di aggiungere al ritratto qualche memoria diretta, risalente già al primo Zecchino d’oro. Sono cresciuto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.