Il Líder Maximo e il Sognatore. La Revolución resta del “Che”

Numero 2 - Nei giorni in cui si celebra o demonizza Castro va ricordato che il pasionario argentino incarnò il vero spirito ribelle
Il Líder Maximo e il Sognatore. La Revolución resta del “Che”

Fidel Castro è un uomo affascinante” mi disse una volta Susanna Agnelli, certamente non sospettabile di filo-comunismo, che lo aveva incontrato a Cuba quando era ministro degli Esteri. E che lo fosse, affascinante, nessuno, nemmeno i suoi più irriducibili detrattori, può negarlo. Ciò non può assolverlo dalle colpe e crimini durante i quasi cinquant’anni della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.