Il lavoro uccide ancora. Tre vittime su una nave

Colpiti da esalazioni sono precipitati nel serbatoio. Altri tre gravissimi
Il lavoro uccide ancora. Tre vittime su una nave

Ancora incidenti sul lavoro. Ancora solidarietà e promesse di commissioni di inchiesta sulle tragedie che quotidianamente si consumano nei cantieri. E intanto si perde la vita per uno stipendio. Questa volta succede al porto di Messina dove tre persone sono morte per intossicazione mentre si trovavano nella cisterna della nave Sansovino, di proprietà della “Cartonte&Tourist”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.