Il lavoro che c’è, ma che pochi trovano

Il lavoro che c’è, ma che pochi trovano

Nessuno ci aveva avvertito. Quando nel 1998 mi presentai alla facoltà di Scienze della Comunicazione, insieme a me c’erano più o meno altri 5mila neodiplomati. Tutti convinti che avremmo fatto i giornalisti, tutti certi che quella facoltà, così tanto di moda, così nuova, ci avrebbe preparati a diventare Woodward e Bernstein. Che futuro pieno di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.