Il laboratorio greco, quando la “cura” uccide il malato (come era previsto)

Dal 2010 versati oltre 250 miliardi a fronte di tagli senza precedenti. L’economia è crollata
Il laboratorio greco, quando la “cura” uccide il malato (come era previsto)

“Questo non è un salvataggio della Grecia, ma dei suoi creditori privati, soprattutto europei”. Il 9 maggio 2010 Paulo Nogueira Batista, il rappresentante del Brasile al Fondo monetario internazionale, salutò così il primo bail-out greco. La storia gli ha dato ragione. A fronte di 226 miliardi versati nei primi due memorandum firmati con la cosiddetta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.