Il jazz ricorda quando anche noi eravamo “Migrantes”

Il jazz ricorda quando anche noi eravamo “Migrantes”

Il jazz vissuto come impegno civile, come mezzo per approdare a un racconto più vero e partecipato della realtà. Con “Migrantes” il sassofonista e compositore Pasquale Innarella – con lui Francesco Lo Cascio (vibrafono), Pino Sallusti (contrabbasso), Roberto Altamura (batteria) – ridà voce alla memoria a un italianissimo “ieri” spesso dimenticato. “Stimoli, sensazioni e riflessioni […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.