Il governo a metà: “Pronti su tutto”. Ma il nome non c’è

Di Maio ci crede ancora e spera in Mattarella. In corsa il prof anti-euro e l’amministrativista
Il governo a metà: “Pronti su tutto”. Ma il nome non c’è

Nemmeno la località protetta – che, si scoprirà, è lo studio da commercialista del grillino Stefano Buffagni – permette a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio di trovare la quiete necessaria a siglare l’accordo. Non basta nascondersi, chiudersi a chiave: il “terzo uomo”, quello che può far cadere i veti e unire le ambizioni, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.