Il giudice azzera l’elezione di Nencini segretario Psi

Per il tribunale il numero dei delegati sarebbe stato gonfiato, quindi le scelte dell’assemblea del partito sono illegittime. Decisione che crea un precedente per la politica
Il giudice azzera l’elezione di Nencini segretario Psi

La firma del giudice istruttore Stefano Cardinali, apposta in calce a tre pagine del Tribunale di Roma, merita di essere ricordata nei libri di storia: prima d’oggi non si ricorda che il congresso d’un partito – incluse le sue decisioni – sia stato sospeso, per di più in via cautelare, per ordine di un giudice. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.