Il Giro santo di Froome & C. Sicurezza (ma non dal doping)

Domani il via a Gerusalemme - Il campione anglo-africano da battere, ma con il rischio squalifica. L’Italia punta tutto su Aru
Il Giro santo di Froome & C. Sicurezza (ma non dal doping)

“Quando attacco, lo faccio per non morire di noia”, dice il montagnard Thibault Pinot che è dello Jura, una delle regioni più fredde d’Europa, che detesta l’aereo e che teme il caldo più di Chris Froome, il grande favorito del Giro d’Italia in trasferta mistica nelle lande della Bibbia. Pinot è il Mauro Corona del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.