Il giorno in cui Benjamin partì con due camicie

Il giorno in cui Benjamin partì con due camicie

“La fama postuma sembra dunque essere il destino degli inclassificabili, cioè di coloro la cui opera non rientra nell’ordine esistente”. Così Hannah Arendt introduce la figura di Benjamin nel saggio a lui dedicato (Walter Benjamin, 1968) da ammiratrice del pensatore e “intima” amica dell’uomo. I due si conoscono a Parigi nel ’35: giocano a scacchi, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.