Il genio viennese e la pruderie inglese

Egon Schiele - La censura britannica ai dipinti diventa uno spot alla mostra austriaca
Il genio viennese e la pruderie inglese

Cent’anni e non sentirli. È la forza dell’arte, sopravvivere al tempo dopo aver assestato – in ossequio a uno dei suoi compiti principali – un calcio come si deve in mezzo agli occhi di chi guarda. Stupisce semmai che questo destino, nella nostra società dell’ipersesso permanente ed esibito, tocchi ai nudi di Egon Schiele. Accade […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.