Il generale Juncker a un’ora pericolosamente tarda…

Non c’è un motivo preciso, ma spesso quando Jean Claude Juncker interviene su qualche tema ci torna in mente il Saragat di Fortebraccio: “ras Tirabusciò”, “senatore Frascati, sempre lambrusco di modi”. Oppure, sempre senza un motivo preciso, quella frase dell’ex procuratore di Milano Francesco Saverio Borrelli: “Il ministro Biondi, a un’ora pericolosamente tarda del pomeriggio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.