Il fermo del giudice: “Lucio non mostra veri sensi di colpa”

Il fermo del giudice: “Lucio non mostra veri sensi di colpa”

Un ragazzo con “una organizzazione borderline della personalità, con capacità intellettive al limite” e che non mostra segni di “un reale senso di colpa”. Dalle carte giudiziarie è questo il profilo psicologico che emerge di Lucio, il diciassettenne che ha confessato di avere ucciso la sua fidanzata Noemi Durini, nascondendone il corpo sotto una catasta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.