Il fair play di Maiuri: tra brave persone non ci si capisce mai

Il caso internazionale (e localissimo) dell’ormai ex allenatore del Portici (serie D) che ordina ai suoi di far pareggiare la Nocerina: il gol del vantaggio era nato da un equivoco
Il fair play di Maiuri: tra brave persone non ci si capisce mai

Tradotto in italiano, “fair play” viene più o meno così: complotto, dietrologia. Partiamo dalla fine, dai reciproci commenti personali. Il presidente del Portici, Lorenzo Ragosta: “Maiuri è una brava persona”. L’ex allenatore del Portici, Ezio Maiuri: “Ragosta è una brava persona”. Il presidente della Fifa, Infantino: “Maiuri è una brava persona”. Ancora Maiuri: “Infantino è […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.