Il “Dream Team” di Giuliano evapora in direzione Grasso

La gioiosa macchina da guerra di Giuliano Pisapia ha orientato il dibattito pubblico sulla sinistra italiana per un anno intero: dal 7 dicembre 2016, giorno della “discesa in Campo Progressista” al 6 dicembre 2017, giorno dell’addio alle scene con citazione di Brecht (“Chi combatte rischia di perdere, chi non combatte ha già perso”). Pisapia ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.