Il dovere di leggere i classici (a scuola)

La polemica - I giovani autori facciano ciò che vogliono, è più importante pensare ai ragazzi
Il dovere di leggere i classici (a scuola)

In fondo, perché ci dovrebbe interessare un campione così esiguo come le dichiarazioni di dieci giovani scrittori (non tutti poi così giovinetti)? Che mi sembra davvero poco rappresentativo rispetto a una statistica che dovrebbe essere ben più capillare. Che leggano quello che vogliono. Non gli piace Proust? Pazienza, sfoglino, nel tempo libero, un settimanale illustrato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.