Il dossier della Shell scampato all’esplosione che uccise Mattei

Petrolio - Le 40 pagine fornite al giornalista che era con lui furono rispedite indietro e dimenticate
Il dossier della Shell scampato all’esplosione che uccise Mattei

Giorgio Carlevaro a 28 anni lavorava per la Shell, una delle compagnie petrolifere del cartello delle Sette Sorelle, quando un giorno di novembre delle carte annerite e bruciacchiate arrivarono sulla sua scrivania, nell’Ufficio studi e informazioni in piazza Augusto Imperatore a Roma. Riconobbe subito i documenti classificati confidential: “Li avevo dati io stesso a William […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.