“Il doppio gioco con Teheran è costato caro al Sultano”

Can Dundar - Il giornalista in esilio forzato a Berlino per sfuggire all’arresto del tribunale turco: “Con i dazi gli Usa hanno punito l’ambiguità di Erdogan”
“Il doppio gioco con Teheran è costato caro al Sultano”

Sulla testa di Can Dundar pende dall’aprile scorso un ordine di arresto internazionale spiccato da un tribunale turco. Per questo il pluripremiato giornalista, scrittore e documentarista accusato dal presidente Erdogan di aver rivelato segreti di stato, da mesi non gira più l’Europa, rimanendo fermo in Germania, dove vive in auto esilio da più di due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.